Londra: a spasso sul Tamigi

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tower Bridge London

Che ci si metta piede per la prima o per la decima volta, di certo Londra non lascerà delusi!

Ordinata ed originale, con le sue case basse a schiera, tutte uguali ma così curate nei particolari, caotica e silenziosa, con il suo traffico brulicante ma nessun clacson assordante, immensa nella sua grandezza e piccola e racchiusa negli storici e caratteristici quartieri, conservatrice e cosmopolita con la sua gente multietnica, il cibo e gli odori provenienti da ogni parte del mondo.

E ancora… divertente e culturale, con migliaia di bar e discoteche, teatri ed eventi, storica e moderna con i suoi musei, le gallerie e le attrazioni turistiche.

Case a schiera nella zona di West Hampstead

E poi Londra con le sue tradizioni: il thè, la regina, le parate e le cerimonie, le cabine telefoniche rosse, la guida a destra, gli autobus a due piani…

Una capitale dalle mille sfaccettature, che si pone sicuramente tra le metropoli di maggior importanza nel panorama internazionale.
Ad ogni angolo Londra si mostrerà diversa, eclettica, vivace, senza mai essere invadente e irriverente!

Gli amanti dell’arte e della storia non avranno esitazione nello scegliere come prima visita alla scoperta di Londra uno dei più grandi ed importanti musei al mondo: il British Museum. L’ingresso gratuito permette a chiunque di andare ad ammirare gli oltre 6 milioni di oggetti dell’arte mesopotamica, egizia, greca, italiana fino a quella contemporanea. Impossibile perdere l’occasione di immergersi in secoli di storia perfettamente conservati ed esposti.

British Museum a Londra

Da non perdere indubbiamente la Stele di Rosetta, reperto dell’Antico Egitto di grande rilevanza, in cui sono citati i decreti emessi dal faraone Tolomeo V.
L’iscrizione in 3 lingue differenti, geroglifico, demotico e greco, venne decifrata circa 1400 anni più tardi, nei primi dell’Ottocento, grazie alla traduzione del testo dalla lingua greca ai geroglici.
Il termine stele di Rosetta viene attualmente usato anche come metafora per indicare ciò che aiuta a decifrare o decriptare un problema particolarmente intricato.
Dell’Antico Egitto, anche il Busto colossale di Ramses, il giovane Memnone, uno dei più grandi pezzi di scultura egizia nel British Museum.
Questo è solo un frammento ritagliato dal blocco di granito bicolore ritrovato nel tempo di Ramses a Luxor.

Capolavori di Fidia, rappresentanti la scultura greca classica, sono i frontoni del Partenone che decoravano il tempio di Atena Partenos nell’Acropoli di Atene. L’occhio potrà soffermarsi sul ritmo che si propaga tra le statue, che non sono distaccate l’una dall’altra, ma interagiscono tra di loro alternando ad un gesto concitato uno più rilassato.
Eccezionali gli effetti chiaroscurali ottenuti sui vestiti delle figure femminili, che non trovano precedenti nella scultura greca.
Essendo molto grande, è bene scegliere in precedenza le aree più interessanti all’interno del Museo, in modo da organizzare la durata della visita.

Mercato di Covent Garden

A pochi minuti di distanza dal British Museum, si trova il quartiere di Covent Garden, famoso per il  mercato coperto in cui scovare tanti negozietti inusuali e boutique di moda; qui è piacevole passeggiare nelle piazzette pullulanti di gente ed intrattenersi con gli spettacoli degli artisti di strada.

Percorrendo Shaftesbury Avenue si arriva dritto al cuore di Londra: Piccadilly Circus con i famosi display pubblicitari luminosi e le insegne al neon. Al centro della piazza s’innalza Shaftesbury Memorial Fountain e l’Angelo della Carità Cristiana.

Piccadilly è certamente uno dei luoghi d’interesse più affollati, punto di ritrovo dei turisti, che si fermano a fare fotografie e s’immergono nel frenetico viavai della città.

Seguendo Regent Street in direzione sud e poi Pall Mall East, si giunge in breve a Trafalgar Square, una delle piazze principali, spesso sede di manifestazioni politiche ed eventi. Al centro le due fontane e la Colonna di Nelson, leggendario ammiraglio dell’esercito inglese circondato da 4 statue di leoni.

National Gallery in Trafalgar Square

Dal 1824 qui si affaccia la National Gallery, all’interno della quale si può contemplare una collezione di oltre 2000 dipinti europei ed occidentali a partire dal primo Rinascimento al Post-impressionismo: Sandro Botticelli Venere e Marte e Natività Mistica, Giotto Pentecoste, Leonardo da Vinci Vergine delle rocce, Vincent Van Gogh Vaso di Girasoli e Campo di grano con cipressi, El Greco Laooconte, Caravaggio Cena in Emmaus, Piero della Francesca Battesimo di Cristo, Renoir Canotaggio sulla Senna, Jan Van Eyck Ritratto dei coniugi Arnolfini, Paolo Uccello San Giorgio e il drago, Cézanne Les Grandes Baigneuses.

Se i ritmi della metropoli risultano incalzanti e stancanti, Londra sa anche offrire angoli di assoluta pace in cui è facile dimenticarsi dove ci si trova.
Una passeggiata ad Hyde Park sarà, quindi, occasione per prendersi una pausa di relax e camminare tranquillamente tra il verde dei giardini, sostare in uno dei prati e o ancora fare un giro in bici ammirando questo incantevole parco.
Hyde Park copre 350 acri (1,4 km²) e si estende da Marble Arch, lungo Bayswater e Notting Hill, fino a sud nelle zone di South Kensington e Knightsbridge, per poi prolungarsi nuovamente verso il centro, direzione West End, fino ad Hyde Park Corner.

Hyde Park

Il parco è diviso in due parti dal lago artificiale Serpentine Lake ed è contiguo ai Kensington Gardens, che sono comunemente considerati come una parte di Hyde Park, anche se nella realtà sono ufficialmente separati dal 1728.

Nella zona di Westminster, cuore amministrativo e politico di Londra, ci s’imbatte nella maggior parte dei luoghi di richiamo turistico.
Si può cominciare dando uno sguardo al passato, visitando il Churchill War Rooms, dedicate alla vita del “più grande inglese”, Sir Winston Churchill.
All’interno si potranno scoprire i bunker sotterranei segreti, le sale in cui il governo si riuniva per decidere le strategie di attacco durante la 2° guerra mondiale, le stanze in cui i politici vivevano in quegli anni, oltre a ripercorrere la vita di Churchill.
Un tuffo nell’interessante e recente passato della storia, neanche poi così tanto lontano.

Immancabile è l’appuntamento alle 11:30 con la tradizione inglese: il cambio della Guardia a Buckingham Palace.
Residenza ufficiale della Regina Elisabetta, è il luogo di ricevimenti reali e di visite politiche, nonchè grossa attrazione turistica.
Il palazzo, alto 24 metri, contiene 775 stanze, tra cui 19 stanze di rappresentanza, 52 camere da letto principali e 78 bagni.

Cambio della Guardia a Buckingham Palace

L’edificio si sviluppa su un’area di 77.000 metri quadri, mentre i giardini di Buckingham Palace si estendono per 40 acri e ospitano circa 30 specie differenti di uccelli e più di 350 tipologie di fiori selvaggi differenti, alcuni estremamente rari.

Da qui è breve la passeggiata costeggiando St. James’s Park per raggiungere le rive del Tamigi, su cui si staglia in tutta la sua austera bellezza Westminster Abbey.
Luogo ufficiale delle incoronazioni dei reali dal 1066, l’Abbazia di Westminster custodisce anche le tombe di scrittori, poeti e personalità storiche inglesi: Charles Darwin, Isaac Newton, Shakespeare, Byron, Shelley, Dickens, Eliot, Enrico VII…
Westminster misura 156 metri di lunghezza e 34 metri di larghezza; in stile gotico ha una navata centrale alta 34 metri: si tratta della la navata gotica più grande della Gran Bretagna.

Big Ben – Torre dell’Orologio del Palazzo di Westminster

Completa lo skyline sul Tamigi, il Palazzo di Westminster, conosciuto anche come Casa del Parlamento, in cui si riuniscono la Camera dei Lord e la Camera dei Comuni. Facente parte dell’Unesco dal 1987, il palazzo è un esempio del nuovo stile gotico.
Qui si erge anche il celebberimo Big Ben, ovvero torre dell’orologio del Palazzo di Westminster, che dall’alto dei 96 metri, segna il tempo di Londra dalla metà dell’Ottocento.

Spostandosi verso i quartieri “alti” di Londra, merita una visita Kensington Palace con i suoi Gardens, immediatamente a nord di Hyde Park.
Kensington Palace è stato per lungo tempo dimora reale inglese e può vantare tra i suoi illustri ospiti, oltre la Regina Vittoria anche i novelli sposi Carlo e Diana; quest’ultima la scelse come residenza fino alla sua tragica morte.
Anche i principi William e Henry hanno vissuto qui, e pare che lo stesso principe William e la moglie Kate si trasferiranno a Kensington Palace nel 2013.
Il parco di Kensington Gardens, esteso per 275 acri (1.1 km²) è insieme ai due parchi reali Green Park e St. James’s Park, un vero e proprio “polmone verde” nel cuore di Londra tra Kensington e Westminster.
Situato nella zona sud-ovest della città, appena a sud di Hyde Park, vi è uno dei quartieri più ricchi e lussuosi: Chelsea.
Al centro passa la famosa King’s Road, che negli anni Sessanta era diventato il fulcro della moda mondiale.
In giro per Chelsea, Kensington e Fulham non è difficile incontrare personaggi del mondo dello spettacolo, che qui sono di casa, o trovare le boutique più prestigiose dei grandi colossi della moda o ancora i ristoranti più chic e raffinati.

Fulcro dell’economia, la City non è solo sede finanziaria per eccellenza, con uffici, grattacieli e banche, ma anche la zona più antica di Londra, dove i Romani fondarono Londinium.
Qui da visitare è senza dubbio Saint Paul Cathedral, capolavoro dell’architetto Wren, la cui imponente cupola alta 111 metri, è diventata un’icona nello skyline della capitale. Secondo edificio religioso per grandezza dopo la Basilica di S. Pietro a Roma, alla quale è ispirata nella pianta e nella cupola, ospita nell’ ampia ed elegante cripta sotterranea le tombe dei pittori Turner e Fleming, del Duca di Wellington e dell’ammiraglio Nelson.
Salendo a 30 metri di altezza nella galleria acustica, la Whispering Gallery, è possibile sentire chiaramente le parole anche solo sussurrate da un lato all’altro del diametro della cupola (48 metri). Dalla cima della cattedrale, dopo aver scalato circa 530 gradini, si può godere di uno spettacolare panorama.

Attraversando il Millennium Bridge si passa dalla City alla zona di Bankside. Inaugurato nel giugno del 2000 per celebrare il nuovo millennio, il Ponte fu, però, chiuso pochi giorni dopo per sospette vibrazioni e riaperto con successo qualche mese più tardi.

Shakespeare’s Globe Theatre

Sulla riva opposta s’incontra lo Shakespeare’s Globe Theatre, il teatro in cui recitò la compagnia di William Shakespeare.
La sua caratteristica struttura in legno, chiamata anche “the wooden O”, presenta uno spazio aperto al centro che permette di far filtrare la luce naturale all’interno, fedele ricostruzione dell’originario teatro del 1600, che si trova leggermente spostato nei pressi del Blackfriars Bridge.
Il Globe Theatre è diventato uno dei teatri maggiori e propone ogni anno una vasta stagione teatrale da maggio a settembre, con almeno un’opera Shakespeariana in programma.

Monumentale nella sua stazza, Tower Bridge è uno dei ponti più famosi, divenuto simbolo della capitale britannica dal 1894.
Dall’alto dei suoi 40 metri, dal passaggio pedonale elevato cosidetto Catwalk, la vista sul Tamigi è  mozzafiato.
Questo imponente ponte levatoio in stile neogotico permetteva il passaggio di grandi navi sollevandosi con un motore a vapore fino al 1976; da allora in poi l’apertura fu resa elettrica, ma ai giorni nostri il sollevamento del ponte avviene solo raramente.

Tower of London

Nei pressi del Tower Bridge, si nota la fortezza medievale della Torre di Londra, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Contrariamente a quanto si possa immaginare, la Torre di Londra è caratterizzata da diversi edifici fortificati, utilizzati in passato per diverse funzioni e costruiti attorno alla prima struttura, la White Tower risalente al 1066.
La Torre di Londra servì per secoli come fortezza, polveriera, palazzo reale e prigione per molti personaggi, spesso illustri e di alto rango. Attualmente vi sono custoditi anche i Gioielli della Corona.
Da non perdere la passeggiata lungo le mura romane della fortezza, edificate in difesa della città.

Tramonto sul Tamigi

Non si può lasciare Londra, però, senza aver messo piede su uno dei battelli che navigano sul Tamigi.
Ad ogni curva del fiume scoprirete un nuovo scorcio, una splendida panoramica, un’atmosfera insolita…
E al tramonto lo spettacolo è garantito!

Valeria Dicarlo

Annunci

4 thoughts on “Londra: a spasso sul Tamigi

  1. daniele 23/04/2013 / 09:33

    Bellissimo questo itinerario su Londra, sembra che ti accompagna fisicamente nel percorso che hai preparato.
    Complimenti.

  2. Francesca 06/09/2012 / 09:58

    Ciao! Blog eccellente, davvero! Ho apprezzato molto questa tua review di Londra, curata nei dettagli e molto coinvolgente. Ci sono stata diverse volte, la prossima sarà a fine settembre, ma non ho ancora visto il Globe Theatre. I tuoi preziosi suggerimenti mi torneranno sicuramente utili. Ancora complimenti. Keep up the good work!

  3. anna 17/07/2012 / 23:18

    amo londra e fin da piccola sognavo di andarci. mentre leggevo ho ripercorso le vie, rivisto la gente, rivissuto gli odori, il clima, il senso di liberta e la bellezza di questa straordinaria citta. ci tornero ancora e ancora, magari con te come guida. belle le foto in particolare il tamigi al tramonto.

  4. Roberto 30/05/2012 / 07:23

    Grazie delle tante informazioni, è come se il viaggio l’avessi fatto anch’io…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...