Alla scoperta dell’Irlanda occidentale dal Connemara alle Cliffs of Moher

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fiordi d’Irlanda

L’Irlanda è uno di quei paesi da girare in macchina per ammirare al meglio i suoi magnifici scorci e poter cogliere le sue peculiarità.
…E quel lembo di terra ad Ovest dell’Irlanda centrale, noto come Connemara, che si affaccia con centinaia di baie, penisole e isolette sull’Oceano Atlantico, sa regalare emozioni indescrivibili attraversando i suoi minuscoli villaggi sul mare e le sue distese di torbiere.

Partendo da sud dalla Baia di Kilkieran ci si trova di fronte al meraviglioso spettacolo di isolotti e profonde insenature, al colore azzurro del mare, verde dell’erba, grigio delle rocce e giallo ocra della torba.

Panoramica di Roundstone

Si passa poi per Carna, col suo piccolo porticciolo, fino ad arrivare a Roundstone, caratteristico villaggio di pescatori con una fantastica vista sulla baia.
Lungo la litoranea è impossibile non restare affascinati dai panorami e dalle sfumature che la natura sfoggia a qualsiasi ora della giornata.
In breve si raggiunge Clifden, cittadina ritenuta capitale del Connemara; merita una visita per i negozietti artigianali, i suoi pub con musica irish dal vivo e l’ospitalità della gente locale.

Vista fiordi nel Connemara

A pochi km di distanza è il Parco Nazionale del Connemara, in località Letterfrack.
Il parco propone 4 itinerari di trekking, di varia difficoltà, all’interno di 2000 ettari tra montagne, paludi, brughiere, praterie e boschi.
Il sentiero più lungo è di circa 4 km (sola andata) e sale fino alla Diamond Hill: da qui lo scenario che si apre davanti agli occhi è stupendo, dalla catena montuosa dei Twelve Bens, ai laghetti intervallati da lande desolate, dai fiordi bassi e frastagliati alle spiagge di sabbia bianca.

Kylemore Abbey

Seguendo la N59 da Letterfrack si arriva alla Kylemore Abbey, un’abbazia benedettina con giardini di epoca vittoriana affacciata su un bel laghetto. L’ingresso è a pagamento e offre la visita della chiesetta gotica, dei giardini vittoriani, degli interni dell’abbazia, del mausoleo degli antichi proprietari e di percorsi dove poter passeggiare piacevolmente.

Zona interna del Connemara

Da Letterfrack scendendo per Galway, si percorre l’area interna del Connemara, prettamente montana e caratterizzata da torbiere basse ed aspre, laghi, e fiumi… e le “famose” pecorelle colorate sulla strada 🙂
Una zona selvaggia, dall’atmosfera un pò melanconica nella natura sperduta, ma che non manca di sensazioni sorprendenti e di paesaggi fiabeschi come il Lough Corrib, rinomato per la pesca di trote e salmoni.

Galway city

Galway, la 4° città più grande d’Irlanda, ha un fascino particolare, animata dall’agiatezza e la modernità dei giorni nostri, da un rilassato trantran, il tutto mescolato all’arte, agli eventi, al suo crescente interesse turistico, all’atmosfera culturale grazie ai suoi college e università, alle tradizioni ancora fortemente radicate. Di certo, non c’è di che annoiarsi a Galway city!

Durante l’itinerario attraverso l’Irlanda Occidentale, da non perdere sono le Cliffs of Moher, una delle maggiori attrazioni turistiche irlandesi.

Panorama alle Cliffs of Moher

Si raggiungono in solo un’ora e mezza di macchina da Galway, guidando nella Contea del Clare, ed è visibile il cambiamento di territorio: si passa dalla brulla torba, alle colline verdi, terra buona per i pascoli. E difatti si contano numerose fattorie e aziende agricole lungo la via…
Quando si arriva a Doolin l’impatto con le Scogliere di Moher è impressionante quanto suggestivo: una montagna di strati di roccia arenaria sedimentata alte fino a 214 metri a picco sul mare.

Strapiombi alle Cliffs of Moher

Che sia una giornata di sole, nuvolosa, di pioggia o particolarmente ventosa il panorama è assicurato e lascia a dir poco senza parole.
Camminando per il sentiero si scoprono angoli di straordinaria bellezza, tra falesie millenarie e strapiombi mozzafiato, immersi completamente in un ambiente naturale.
Risalenti a più di 300 milioni di anni fa, le scogliere si sono formate dal deposito di fango e sabbia alla foce di un grande fiume.

Tramonto nel Connemara

Fiordi, baie sabbiose, rocce a strapiombo sul mare, estesi manti erbosi o di torba, villaggi marinari, e ancora strepitose zuppe di pesce e frutti di mare, tradizionale musica irlandese, birra alla spina, pub accoglienti… questo e molto di più è la Costa Occidentale dell’Irlanda.

Valeria Dicarlo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...